Overblog
Segui questo blog Administration + Create my blog
Volare con l'anima

La quiete dopo la tempesta!

7 Ottobre 2014, 12:08pm

Pubblicato da marcellanicolosi

Lampi, tuoni, fulmini e pioggia come se non ci fosse domani!

E' troppo tardi per costruire un'arca, ma basterebbe un canotto, una barchetta o una zattera.

L'acqua si alza inesorabile e tu pensi "Dio, fa che smetta!", ma lui continua e si rafforza, il cielo è sempre più nero e basso, quasi volesse caderti in testa e in tutto quel vociare di acqua e tuoni arriva anche la nebbia, fitta come una parete.

E tu pensi "Ci siamo, è finita!" e poi ... invece ... smette di piovere, il vento si quieta e nell'aria aleggia solo il sentore classico dell'acqua piovana sulla vegetazione!

Il giorno dopo ecco come appare il cielo ... come se non fosse accaduto nulla!

 

La quiete dopo la tempesta!

Leggi i commenti

Le prime luci dell'alba!

7 Ottobre 2014, 12:04pm

Pubblicato da marcellanicolosi

Ho vissuto anni di pigrizia durante i quali la sveglia non suonava ed io mi svegliavo sempre quando il sole era alto.

Già alle 8 del mattino la luce del giorno inonda l'atmosfera rendendo i colori limpidi, ma freddi anche in un giorno d'estate.

Adesso, invece, spesso sono obbligata ad alzarmi prima che il sole sorga e non nego che sia pesante, però ... ma si che c'è un però ...

L'iter è sempre lo stesso, mi alzo con un occhio chiuso ed uno aperto, preparo la caffettiera e aspetto paziente di sentire l'aroma del caffè!

Poi lo verso caldo caldo nella tazzina, lo mescolo appena per far sciogliere lo zucchero e poi ... poi lo sorseggio davanti alla porta della cucina mentre aspetto che lui appaia!

Lui, il sole, quella stella immane che ogni giorno fa la sua apparizione su questa terra quasi fosse un miracolo!

Allora resto lì come un'allocca, spalanco gli occhi non volendo perdermi neanche un istante di questo spettacolo che è l'alba!

I colori sono caldi e, vi giuro, è come se mi sentissi avvolta da una coperta.

Non ci sono parole per esprimere la meraviglia di un panorama come quello, l'unica cosa da fare per trattenere la sensazione è quella di scattare una foto e fermare l'attimo ad infinita memoria.

Eppure quel sapore di "mattino" si ripropone ogni giorno, anche se il cielo non è mai lo stesso proprio come la vita, che sembra scorrere sempre uguale, ma, in realtà, è in continuo divenire!

Che dire di più ... nulla ... solo un'immagine, la foto di un momento, uno dei tanti che vivo ogni giorno!

 

 

Le prime luci dell'alba!

Leggi i commenti

Speranze!

9 Settembre 2014, 16:01pm

Pubblicato da marcellanicolosi

Esistono brave persone!

Fino a poco tempo fa non avevo affatto fiducia nell’essere umano in genere. Siamo esseri imperfetti e, il più delle volte, capricciosi ed egoisti.

Eppure su questa terra vivono persone di cuore, che capiscono la tua stanchezza e non scambiano la tua disponibilità per stupidità!

Esistono brave persone che compiono gesti generosi solo perché vogliono e non per l’occhio sociale!

Esistono datori di lavoro umani, esistono persone educate e cortesi che dicono grazie e io, ultimamente, ne sto incontrando tante!

E’ bello vedere che i miei sforzi sono apprezzati, è dolce la stanchezza e piacevole lo scrocchio delle ginocchia.

E quando la sera torno a casa e l’unica cosa che vorrei è “morire” sul mio divano mi rendo conto che la mia mente è serena, anche se il mio corpo urla vendetta!

Perché so che, con il mio lavoro, ho reso qualcuno felice. Per poco, ma quel tanto che basta per fargli riprendere fiato da una vita di stress e preoccupazioni. E lo so perché loro me lo dicono anche senza parlare, con un sorriso e con un grazie.

Sono stata fortunata a non finire in una grande struttura alberghiera dove le donne delle pulizie passano silenziose ed invisibili per i corridoi. Quasi nessuno si accorge di loro, quasi nessuno pensa che quella signora ha rifatto il letto e lavato il bagno e ti ha permesso di non pensare a rimettere ordine nel caos che hai lasciato prima di andarti a divertire. Quasi nessuno pensa che quella signora ha una storia, una vita tutta da raccontare.

Eppure nessuno la “vede” a meno che non abbia bisogno di qualche informazione urgente!

Io non ho viaggiato molto, eppure qualcuna l’ho vista e con altre ho anche chiacchierato … eppure, forse, non ho mai capito fino in fondo il valore del loro lavoro!

E’ vero che bisogna camminare nelle scarpe dell’altro per conoscere il sapore del suo cibo!

Io sono stata fortunata e spero solo che questa fortuna non si sciolga sotto i primi raggi di sole. 

 

 

Speranze!

Leggi i commenti

Da niente a troppo ...

1 Agosto 2014, 19:52pm

Pubblicato da marcellanicolosi

... il salto è stato brevissimo!

Appena 1 mese e la mia vita è stata stravolta!

Ho cambiato casa ... poi ho cambiato gestore internet ... poi inaspettatamente ho cambiato anche stile di vita!

Ho trovato un lavoro e poi un altro e poi ancora un altro!

Ad un certo punto non ho capito più niente ... da che stavo in casa online praticamente tutto il giorno a che non ricordo quasi più come si accende il pc!

Per certi versi è anche piacevole, vivo la mia giornata all'aria aperta, mi sposto, mi muovo, salgo e scendo le scale ... e quando torno a casa la stanchezza mi spezza la schiena.

Ma ce la posso fare, sto risalendo dal fosso e mi sento bene, quasi felice!

La verità è che non sappiamo mai cosa c'è scritto nel libro della nostra vita finché non giriamo pagina ...

Anche se sto bene sento la mancanza del mio blog, dei miei articoli, delle mie ricerche e delle mie opinioni su Ciao.it ... ma sono sicura che presto troverò l'equilibrio necessario per poter lavorare fuori casa e ricominciare a scrivere.

Alle mie amiche di blog mando un saluto ed un abbraccio e chiedo di volermi restare vicine anche solo col pensiero!

Mi mancate anche voi, ma presto, sono sicura, tornerò!

Da niente a troppo ...

Leggi i commenti

Alle prese con il trasloco!

7 Luglio 2014, 10:05am

Pubblicato da marcellanicolosi

Questo trasloco non finirà mai ... nell'attesa voglio raccontarvi una storia!

C'era una volta, tanto tempo fa, una bambina che aveva tanta voglia di viaggiare!

Il suo desiderio era così forte che si dimenticò di esprimerlo con dovizia di particolari ... e fu così che rimase incastrata nella trappola che, lei stessa, non si stancava mai di avvertire agli altri!

I desideri sono traditori se non li esprimi a dovere ...

Beh ... alla fine la bambina si rese conto che, da Principessa si era trasformata in Cenerentola!

La fiaba al contrario, la storia della sua vita, invece di migliorare ... peggiorava!

La bambina si sentiva maltrattata dal destino infame che l'aveva investita, si piangeva addosso e si deprimeva ogni momento di più!

Ma un bel giorno di sole si svegliò nella sua cameretta spoglia, si guardò intorno e pensò : "Magari non è proprio tutto brutto ciò che vedo!"

Un tetto ce l'ho, un bel piatto di tortellini con la panna da gustare ce l'ho, l'amore delle persone care ce l'ho ...

Ve lo ricordate lo scambio delle figurine Panini?!

Ce l'ho, ce l'ho ... mi manca ... scambiamo?!

Si ritrovò a contare più figurine doppie, ma non gliene mancava neanche una di quelle più importanti!

Allora la piccola neo-Cenerentola sorrise ... e pensò che per lei era cominciata una vita tutta nuova, forse più faticosa, ma di certo più soddisfacente di quella che aveva vissuto fino a quel momento!

E voi questo bicchiere come lo vedete??!!

 

 

 

Alle prese con il trasloco!

Leggi i commenti

Tattoo Convention 2014!

26 Giugno 2014, 20:36pm

Pubblicato da marcellanicolosi

L’arte del tatuaggio affonda le sue radici nell’antichità.

Ancora prima dell’avvento di Cristo numerose popolazioni usavano tatuarsi più che altro per motivi religiosi o per distinguersi dalle altre tribù dichiarando così la propria appartenenza ad una determinata comunità. In alcune culture il tatuaggio ha fatto parte integrante della tradizione tramandata di generazione in generazione.

Con il passare del tempo il tatuaggio ha assunto connotazioni e motivazioni diverse, spesso associato ai carcerati o ai malavitosi o richiesto in memoria di un parente defunto e, in alcuni periodi storici, anche vietato dalla legge e condannato dalla comunità religiosa.

Fino agli anni '70 e '80 durante i quali si è trasformato in una vera e propria arte facendo diventare quello del tatuatore un mestiere ricercato ed apprezzato da diversissime classi sociali e da svariati tipi di persone.

Tra il 20 e il 22 Giugno di quest’anno si è svolta la prima edizione della Palermo Tattoo Convention.

In un angolo di Sicilia nella bellissima località Isola delle Femmine per tre giorni consecutivi 70 tatuatori provenienti da diverse parti del mondo hanno dato prova di grande professionalità e bravura creando opere d’arte sulla pelle di chi ne aveva fatto richiesta in precedenza e partecipando a contest di fine giornata.

Il tutto mentre gruppi musicali creavano spettacolo per visitatori ed amanti del tatuaggio.

… ve lo dico … io mi sono divertita da morire!

Con il mio carattere delicato ho dato “l’inferno” ad alcuni simpatici tatuatori che mi hanno sopportata con estrema pazienza. Ho girato e osservato artisti intenti nella creazione del disegno su carta, ho scattato foto e impresso nella mente sensazioni e immagini totalmente immersa nell’atmosfera quasi eterea di una realtà alternativa in cui aghi, pelle e colori si fondevano e si confondevano!  

Alla fine dei due giorni mi è rimasto un gran male ai piedi, ma soprattutto un’esperienza indimenticabile.

E’ incredibile come quegli artisti fossero capaci di creare dei quadri sulla pelle come pittori che dipingono su una tela.

Il rumore delle macchinette si confondeva con la musica e le chiacchiere dei passanti, eppure nell’aria si respirava qualcosa di diverso.

L’albergo ospitante ha messo a disposizione un’intera ala solo per la Convention e sembrava quasi di entrare ed uscire da due diverse realtà parallele, entrambe tangibili, ma diametralmente opposte, esistenti all'interno dello stesso edificio!

Eppure non erano presenti solo palestrati totalmente tatuati con piercing al naso e treccine, o simil punk usciti da un film stile anni 70 e metallari convinti, c’era anche gente in jeans e maglietta e fighettine alla moda che mai avrei pensato di incontrare in un evento di questo tipo.

C’era anche una signora che, costretta a passare proprio da lì per tornare in camera, si nascondeva gli occhi e le orecchie per non essere posseduta da cotanto lerciume! Ammetto che la signora mi ha fatto tenerezza!

Guardandomi intorno non ho potuto che riflettere sull’universo Tattoo, perché è proprio di questo che stiamo parlando. Un universo a sé stante nel quale, chi ci vive dentro, ha una sua identità distinta eppure in piena sintonia con quella di tutti quanti gli altri.

Quello che li accomuna è l’amore per il marchio indelebile sulla propria pelle. Pochi tra loro avevano un tatuaggio per moda. Per i più, dietro ogni tatuaggio, c’è una motivazione ben precisa, un significato intimo che non sempre viene condiviso con gli altri.

Ma non importa. Nessuno verrà mai a chiederti il perché di una fenice tatuata sul braccio o di due stelle e due lacrime tatuate sul polso.

Non importa!

Sei tu a decidere cosa vuoi vederti addosso, sei tu che scegli il ricordo che vuoi che ti accompagni per sempre.

Ho anche capito un’altra cosa.

C’è un po’ di sado-masochismo nella voglia di tattoo!

Ho visto omoni trattenere la lacrimuccia e tatuatori così intenti nel loro lavoro che, nonostante i mugugni, continuavano imperterriti nella loro creazione del momento.

La verità è che ogni tattoo è diverso ed a se stante, perché chi lo porta ha un’anima tutta sua distinta e separata, ma legata a doppio filo con la comunità di cui fa parte ed in cui si sente perfetto ... e forse lo è!  

Per inciso : ho fotografato tanti tatuaggi tutti bellissimi, ho scelto questo perché il gufo porta fortuna ... e noi ne abbiamo davvero molto bisogno!

 

 

Tattoo Convention 2014!

Leggi i commenti

I fermenti lattici!

17 Giugno 2014, 15:31pm

Pubblicato da marcellanicolosi

Il buon funzionamento dell’intestino è fondamentale per il benessere di tutto l’organismo, in quanto permette l’assorbimento di tutti i nutrienti apportati dal cibo; per fare questo l’intestino produce dei succhi gastrici ricchi di enzimi che completano il processo digestivo. 

 

<img data-cke-saved-src="”http://marcellanicolosi.over-blog.it//diarrea" src="”http://marcellanicolosi.over-blog.it//diarrea&quot;" target="”_blank”" alt="”diarrea" rimedi"="" id="yui_3_5_0_1_1403101444181_12346">

 

 

Quando, in presenza di condizioni sfavorevoli, questo processo perdeil suo delicato equilibrio si può incorrere in problemi come la stitichezza e la diarrea che possono essere temporanee o croniche.

La diarrea temporanea può essere causata da vari fattori come batterivirus, parassiti, stress, infezioni intestinali dovute ad intolleranze alimentari, reazione ai farmaci oppure in caso di utilizzo di antibiotici.

La diarrea cronica invece può essere causata da disturbi funzionali come la sindrome del colon irritabile, varie infiammazioni intestinali e malattie intestinali come la colite.

In sè la diarrea non è un problema grave ma se non trattata adeguatamente può provocare disturbi anche molto importanti come la disidratazione, in particolare nei bambini più piccoli.

Quindi bisogna porvi rimedio appena si manifesta.

La cosa più importante da fare per limitare i danni provocati dalla diarrea è bere molti liquidi per reidratare i tessuti interni dell’organismo. Si possono trovare in farmacia soluzioni reidratanti orali appositamente studiate per ristabilire l'equilibrio idrosalino.

Esistono inoltre numerosi metodi più o meno naturali per affrontare il problema in modo corretto, quello più consigliato dal medico curante è il consumo di fermenti lattici e probiotici.

I fermenti lattici sono dei batteri buoni capaci di riequilibrare la funzionalità intestinale in caso di stipsi o diarrea.

Utili anche per prevenire infezioni o infiammazioni intestinali, proteggono la flora batterica anche in caso di assunzione di antibiotici, periodi particolarmente stressanti e indebolimento del sistema immunitario.

In commercio ne esistono diverse marche, quella più accreditata è l’Enterogermina reperibile in farmacia sotto forma di fiale e capsule.

Leggi i commenti

Traslochiamo!

12 Giugno 2014, 09:00am

Pubblicato da marcellanicolosi

Ci siamo ... le utenze sono state disdette.

Da un momento all'altro potrei restare senza corrente elettrica, ma cosa importa!

Visto il tipo di trasloco un po' sui generis (come quasi tutte le cose mie e del consorte!) basta mettere due magliette in valigia e via ... verso nuovi orizzonti ... mmmm ... orizzonti ... si fa per dire ... orizzonti non è proprio la parola che userei in questo momento ... più che altro si tratta di eremi ... zone lontane ed abitate solo da ominidi di cui non si conoscono ancora le origini!

Saranno marziani?!

In realtà la marziana sono io per loro, parlo in italiano e mi do delle arie da cittadina ... questo almeno è ciò che loro pensano ... ed hanno ragione ... mi do le arie perché non mi piace che gli altri sappiano le mie cose e non mi piacciono i pettegolezzi ... come dicevo ... marziana!

Eppure alcuni di loro mi vogliono bene, lo so! Mi trattano con rispetto!

Tutti gli altri dovrebbero trasferirsi altrove perché io sia contenta!

Penso che Dio mi abbia messo di fronte ad una situazione, per me, insopportabile per testare la mia pazienza e la mia capacità di adattamento!

Forse anche la mia capacità di amare anche chi proprio non mi va giù!

Dio ... te lo dico ... è una missione impossibile!

Tu sei il mago delle missioni impossibili, lo so, ma spero che tu abbia piani più grandi per me!

Piccola ed insignificante macchietta come sono piego la testa e vado là dove, lontana da tutto, ancora più di adesso, mi sono sempre sentita fuori luogo, diversa, strana!

Lo faccio perché non ho scelta ... lo faccio perché so che, almeno il consorte, sarà contento!

Spero che questo mi basterà per ritrovare la serenità perduta!

I prossimi mesi saranno molto impegnativi.

Se è vero che adesso bastano 2 magliette in valigia, è vero anche che 20 anni di roba "impilata" vanno comunque trasportati e traslocati nella nuova -si fa per dire- casa, verso un fulgido futuro e nuove esperienze!

Ma abbiamo tempo, nessuno ci insegue ... durerà 10 anni questo trasloco ... me lo sento!

Vivremo accampati ... che bello! Non troveremo lo spazzolino da denti e neanche la caffettiera ... magari li abbiamo persi per strada durante il trasloco ... o magari sono sotto le magliette ...

Ciò che conta è che li cercheremo insieme e, con l'aiuto di Dio, prima o poi, li troveremo insieme alla pazienza, all'arrendevolezza e all'amore!

 

trasloco.jpg

 

 

Leggi i commenti

Solitaria o Asociale?! Questo è il dilemma!

3 Giugno 2014, 16:15pm

Pubblicato da marcellanicolosi

Il Dizionario Italiano recita così :

 

E' solitario colui che ama stare da solo.

 

E' asociale colui che rifiuta di conformarsi al modo di vita organizzato della società.

 

E io?! Vediamo un po'!

Amo la mia solitudine, quando è limitata ad alcune ore al giorno o a qualche giorno! Diciamo che negli anni mi sono anche abituata a stare da sola.

Non ho mai avuto problemi ad andare in giro per conto mio, a sbrigare le mie faccende con l'unica compagnia dell'autoradio. Eppure, oggi, ho sempre più voglia di farlo solo se sono con qualcuno in particolare! Ovviamente il consorte!

Per quanto riguarda il non conformarsi al modo di vita organizzato della società ... beh ... quello è tutto un un altro discorso!

Sono sempre stata un po' diversa dalla massa, ma non ho mai capito se è un problema di asocialità o del mio voler andare contro-corrente!

Se la gente va a destra io, inevitabilmente, finisco per andare a sinistra! Sempre e da sempre. Me lo dice anche la mia mamma, ero così anche da piccola! A volte mi chiedo se non sia più un desiderio di ribellione nei confronti dell'ordine costituito, una forma di insofferenza ed intolleranza verso le figure autoritarie che, gioco forza, si incontrano nella vita!

Magari un po' è anche per questo, ma mi rendo conto che, quando mi guardo intorno, non mi piace la direzione che ha preso la società! 

Un detto recita che ... se intorno a te la gente è isterica e l'unico ad essere calmo sei tu, forse tu non hai capito cosa sta succedendo!

Allora, quando vedo cose che non mi piacciono mentre tutti gli altri le fanno ... sono io che sto sbagliando?!

Questo dubbio mi lascia un senso di amarezza e la lotta interiore diventa feroce!

Una vocina dentro di me continua a chiedermi : Ti butteresti dalla torre se tutti gli altri lo fanno?! La risposta è sicuramente no!

Eppure non sarebbe più semplice uniformarmi e seguire la corrente?! Non sarei più amata, più accettata e coccolata?! Non sarei più normale?!

Cosa mi spinge a pensare che io ho ragione e tutti gli altri torto?!

E' come un cane che si morde la coda ... eppure l'unico posto dove non mi sento a mio agio è questa società!

Dove l'ipocrisia e l'indifferenza sono all'ordine del giorno, dove la maleducazione è premiata e l'arraffare denaro e "cose" è la regola! Dove se hai le scarpe di marca ed ascolti la musica giusta sei "ok" ... dove il sabato si va al karaoke e a mangiare la pizza ... dove il consumo, l'uso e l'abuso sono il "top", dove conta solo l'apparire mentre l'essere è solo una parola priva di significato!

Poi c'è l'altra parte della medaglia.

La società della violenza, dei soprusi, dell'intolleranza, dell'impossibilità di manifestare il proprio dissenso che sia mentale o fisico!

Siamo inondati da immagini di donne e uomini semi-nudi tutto il giorno, belli e ricchi e ci convinciamo che "loro" hanno raggiunto lo stato di grazia, la libertà!

Ma non è forse vero che è la verità a renderci liberi?!

E la verità allora dove sta?!

L'unica verità che mi rende serena al momento è sapere che io preferisco essere che apparire, preferisco essere amata ed amare piuttosto che essere temuta ... preferisco sorridere e dire grazie piuttosto che ordinare, continuo a preferire il calore della solitudine e dell'asocialità alla freddezza dell'essere comune e uguale a tutti gli altri!  

 

asociale.jpg

Leggi i commenti

Anice Stellato e Anice Verde : per i problemi intestinali, ma non solo!

27 Maggio 2014, 16:09pm

Pubblicato da marcellanicolosi

Con il nome di anice possono essere indicate diverse piante, che, però, non hanno parentele botaniche. Questo avviene perché, tali piante, hanno in comune un’ aroma praticamente identico.

Tra queste troviamo l’Anice pepato che appartiene alla famiglia delle Rutaceae e, tipico della cucina dell'Estremo Oriente, è uno dei componenti della miscela nota come 5 spezie cinesi : anice verde, anice stellato, chiodi di garofano, semi di finocchio e cassia.

L'anice è una delle spezie più antiche e diffuse ed era già utilizzata dai Greci, dagli Egizi e dai Romani per dare gusto alle vivande a base di pollo, maiale, verdure e piccoli biscotti digestivi.

Dal Medio Oriente si è diffuso nel bacino del Mediterraneo e da lì in Europa, tanto che nel Medioevo era un ingrediente di numerose ricette in quasi tutti i paesi.

L'anice viene usato per dare gusto a carni di pollo, maiale e coniglio, ma anche in accompagnamento di verdure e formaggi, specie nei paesi del Nord Europa, è usato come ingrediente nella preparazione di torte, biscotti, panpepati, pandolci, frutta secca e anche nella preparazione di ghiaccioli e di liquori come il Pastis, l'Assenzio e l'Anisette in Francia, il Raki in Turchia, l'ouzo in Grecia, la sambuca in Italia, il Tutone in Sicilia, il Mistrà nelle Marche.

I liquori d'anice vengono anche usati per insaporire piatti vari, a base di pesce, di lumache, di castagne.

 

L'anice stellato


anice_stellato.jpg


E’ un albero sempreverde che appartiene alla famiglia delle Illiciaceae e può essere alto tra i 4 e i 12 metri. Deve il suo nome alla forma di stella che caratterizza gli occhielli dei suoi 8 piccoli frutti. Fu importato in Occidente solo alla fine del 1600, passando attraverso la Russia.

Noto e molto usato in tutto l'Oriente, è particolarmente amato in Cina e Vietnam.

E’ conosciuto anche con il nome di Badiana, Badiana della Cina, Star Anise, Anis étoilé, Badanier de Chine, Chinese anise, Chinese star anise, Badian, Anis estrelado, Anis da Siberia, Funcho da Cina e Ta hoei hiang.

Dell’anice vengono usati i semi che hanno un sapore aromatico-dolciastro anestetizzante.

I principi attivi principali sono l’olio essenziale detto anetolo, i tannini e gli acidi organici.


La tossicità è bassa, ma il suo uso è controindicato nei casi di epilessia ed epatopatie e non bisogna mai utilizzare dosi più alte di quelle consigliate in quanto può risultare tossico per il sistema nervoso centrale.

Inoltre a dosi elevate è uno stupefacente e può provocare ipereccitazione cerebrale, tremore, convulsioni epilettiche, congestione cerebrale e polmonare.

Può essere foto sensibilizzante.


E’ usato come insetticida per la scabbia e altri parassiti e come aromatizzante nel settore alimentare.


Possono verificarsi interazioni con farmaci antinfiammatori non steroidei e con le terapie ormonali.

 

Alle dosi consigliate può essere utilizzato per la bocca, i bronchi e i bronchioli, il cavo oro-faringeo, il cervello, il cuore, i denti, l’intestino, il tubo gastro-enterico, la muscolatura liscia, gli organi digestivi, gustativi, sessuali e riproduttivi, il seno e le ghiandole mammarie, il sistema nervoso, lo stomaco, il tessuto cutaneo e le vie respiratorie.

 

L’Anice Stellato è aromatizzante, digestivo, analgesico, espettorante, fluidificante delle secrezioni bronchiali, spasmolitico, tonico generale, tossifugo, afrodisiaco, balsamico respiratorio, cardiotonico e cardiocinetico, neurotonico e tonico, spasmolitico per le fibre muscolari lisce e stupefacente.

 

E’ infine indicato per l’alitosi, l’allattamento, la dispepsia o la cattiva digestione, il meteorismo e gonfiori al ventre, il vomito nervoso, il catarro delle vie respiratorie, le coliche intestinali, la dispnea, la gastralgia o il mal di stomaco, la tosse, l’astenia, l’esaurimento e lo stress, l’impotenza sessuale, i parassiti della pelle come gli acari, gli spasmi dolorosi di varia natura.

Si può assumere sotto forma di tisana per i problemi intestinali.

Attenzione : la varietà di Anice Stellato giapponese (illicium anisatum, illicium religiosum, illicium japonicum, shikimmi e shlmmi) è altamente tossica e inidonea al consumo umano.

 

 

L'anice verde.

 

Anice-Verde.jpg


Appartiene alla famiglia delle Apiaceae ed è una pianta erbacea annua alta circa 60 cm, con piccoli fiori bianco-giallo e piccoli semi ovali caratterizzati da un aroma persistente.

È il più noto in Occidente e cresce nel bacino del Mediterraneo anche in modo spontaneo.

Il suo periodo balsamico è tra agosto e settembre e le parti utilizzate sono i frutti.

E’ conosciuto anche con il nome di Pimpinella, Anacio, Anise, Anis vert, Yanisun, Anijs e Erva-doce.

Ha un sapore dolce-aromatico e contiene principi attivi quali olio essenziale (anetolo, estragolo) flavonoidi, cumarine e grassi.

 

La sua tossicità è bassa, ma ad alte dosi o per consumo prolungato provoca stato di ebbrezza accompagnato da tremori, convulsioni e confusione mentale.

In soggetti predisposti anche le dosi normali possono procurare allergie. Inoltre l’olio essenziale ha azione stupefacente caratterizzata da eccitazione iniziale seguita da paresi muscolare, ebbrezza e profonda ipnosi che può prolungarsi anche per 12 ore.

L’olio inoltre è foto sensibilizzante.

 

E’ controindicato in caso di gravidanza.

 

L’Anice Verde è incompatibile con farmaci antinfiammatori non steroidei, farmaci cortisonici e terapie ormonali.

Inoltre può provocare allergia, problemi di pelle e problemi gastro-intestinali.

 

Gli organi interessati dell’azione fito terapica sono la testa, la bocca, i bronchi e i bronchioli, il cavo oro-faringeo, il cervello, i denti, le ghiandole salivari, l’intestino, il tubo gastro-enterico, la muscolatura liscia, gli organi digestivi, gustativi, sessuali e riproduttivi, l’utero e le ovaie, il seno e le ghiandole mammarie, il sistema immunitario e nervoso, lo stomaco, il tessuto cutaneo, le vie respiratorie e le vie aeree superiori.

 

L’Anice Verde è aromatizzante, digestivo, analgesico, espettorante, fluidificante del catarro mucolitico, spasmolitico del tubo gastro-enterico e delle vie respiratorie, tonico generale, tossifugo, afrodisiaco, balsamico respiratorio, neurotonico e tonico cerebrale, spasmolitico per le fibre muscolari lisce, stupefacente, antisettico, carminativo e anticipa il ciclo mestruale ritardato.

 

E’ infine indicato per l’alitosi, l’allattamento, la dispepsia o la cattiva digestione, il meteorismo e fermentazioni intestinali, la stitichezza, il catarro delle vie respiratorie, l’atonia intestinale, la tosse convulsa o la pertosse, l’astenia, l’esaurimento e lo stress, gli spasmi dolorosi di varia natura, la cefalea, il mal di testa o l’emicrania, la salivazione scarsa, il raffreddore, l’asma bronchiale o il broncospasmo.

 

Si trova sotto forma di tisane, olio essenziale solo per gli adulti, estratti e tinture.

 

Curiosità.


  • L’Anice verde è utilizzato per aromatizzare molti liquori, mentre i suoi semi, interi o tritati, aggiunti al pane, alle focacce e ai dolci ne migliorano il sapore.
  • Masticare a fine pasto semi d'anice leggermente tostati aiuta la digestione e profuma l'alito.
  • Nella medicina popolare era considerato afrodisiaco.

Leggi i commenti

<< < 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 30 > >>