Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Volare con l'anima

Amarene ed intestino.

18 Luglio 2013, 16:30pm

Pubblicato da marcellanicolosi

L’albero delle Amarene, come il ciliegio, appartiene alla famiglia delle rosaceae, non raggiunge grandi altezze ed è noto anche come visciolo o amarasco.

E' originario dell’Asia Minore nella zona che si trova tra il mar Nero e il Mar Caspio, ma è facilmente coltivabile e lo si trova anche in Italia.

E' noto anche come Marena, Marasca, Ciliegio del Canada, Visciola, South cherry, Pie-cherry, Cerisier commun, Griottier, Weichsel, Guindo, Ginjeira da ginjas e Galegas.

Le amarene, che vengono raccolte solitamente a giugno, assomigliano alle ciligie, ma, a differenza delle seconde, hanno un colore esterno rosso intenso e una polpa chiara e succosa e vengono utilizzate prevalentemente per la preparazione di sciroppi, succhi e confetture.

In realtà sono molto ricche di principi attivi fondamentali per la salute quali ferro, calcio, magnesio, potassio, fosforo e di vitamine del gruppo B, PP, C, provitamina A e bioflavonoidi antociani. Mentre il principio attivo presente nei peduncoli, che vengono usati ampiamente in fitoterapia, è l'acido malico.

Questi componenti migliorano la compattezza e l’elasticità dei tessuti, sono drenanti e rinforzano i vasi sanguigni, mentre i bioflavonoidi, pigmenti che danno il colore rosso alle amarene, sono importantissimi per ridurre l’infiammazione di vari distretti corporei.

Gli antociani, inoltre, hanno la capacità di contrastare efficacemente la formazione di radicali liberi nell’organismo e svolgono un ruolo preventivo e detossinante.

E' evidente, quindi, che le amarene aiutano a rafforzare i capillari, a prevenire ictus e trombosi ed a migliorare la facoltà visiva, agiscono sul sistema nervoso e combattono l’insonnia, migliorano la funzionalità intestinale, stimolando l’eliminazione di tossine e scorie e, a livello muscolare, attenuano la formazione di acido lattico e i crampi.

Il decotto di amarene aiuta a risolvere problemi di stipsi e calcoli mentre il peduncolo seccato è usato nella preparazione di decotti diuretici, indicati contro artrite, calcoli, disturbi renali, fermentazioni intestinali e stitichezza. E' sufficiente far macerare per 2-3 ore in mezzo litro d’acqua una manciata di peduncoli, portarli ad ebollizione per 10 minuti e lasciarli riposare per altri 10 minuti. Tre bicchieri al giorno sono il massimo consumo utile per risolvere molti disturbi.

Gli organi interessati dell'azione fitoterapica sono il fegato, le vie biliari, gli organi ed i tessuti di vari distretti corporei, gli organi gustativi, i reni e le vie urinarie e l'intestino.

Le amarene vengono utilizzate come alimento, ma anche come aromatizzante, depurativo, drenante, diuretico, edulcorante e dolcificante, spasmolitico, antispasmodico.

Infine non contengono alcuna tossicità e non sono state riscontrate controindicazioni alle dosi terapeutiche normali eccetto un'ipersensibilità individuale verso uno dei componenti.

 

 amarena.jpg

Commenta il post

Sara 12/11/2013 21:20

Ho provato anche le amarene.. ma non è cambiato nulla

marcellanicolosi 12/15/2013 19:09



ciao Sara ... scusa se ti chiedo, per cosa le hai provate nello specifico?! Magari c'è qualcosa che potrebbe essere migliore per te nello specifico! Fammi sapere e cerchiamo di trovare qualcosa
insieme, se vuoi!