Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
Volare con l'anima

Acetosa : diuretica e antinfiammatoria!

19 Dicembre 2012, 14:14pm

Pubblicato da marcellanicolosi

Nella mia ricerca sulle erbe curative sto scoprendo piante di cui non sapevo neanche l'esistenza. Questa è una di quelle!

L'Acetosa, detta anche erba brusca, è una pianta erbacea perenne, che si sviluppa in primavera da una grossa radice da cui si diparte un fusto rossatro eretto e poco ramificato che può raggiungere l'altezza di 1 metro.

Le foglie sono coriacee, dal sapore acidulo e dall'odore erbaceo, i fiori sono sia maschili che femminili di colore rossiccio e disposti su una pannocchia, i frutti sono ricoperti da piccoli petali rosso-ruggine.

L'Acetosa fiorisce alla fine della primavera e perdura fino ad agosto, è diffusa in Asia, in Europa e, in particolare, in Italia possiamo trovarla un po' ovunque, in luoghi aperti, umidi e accanto a corsi d'acqua. Si può raccogliere tutto l'anno e, anche radendola, ricrescerà grazie alle radici molto resistenti che rifioriranno, ma, di solito, viene raccolta tra maggio e giugno.

acetosa.jpg Tutte le parti dell'Acetosa sono utilizzabili, in particolar modo le foglie, in quanto contengono ossalato di potassio, acido ossalico, vitamina C, glicosidi flavonici, tannini e antrachinoni.

L'Acetosa può essere utilizzata come diuretico, rinfrescante, antinfiammatorio e febbrifugo.

Per depurare si possono consumare le foglie fresche oppure un infuso di 30 g. di radici in 1 litro d'acqua, per curare l'acne, le pelli grasse o le punture di insetti si usa un decotto di 15 g di foglie fresche in 1 litro d'acqua, bevendone due tazze al giorno lontano dai pasti. Con il decotto delle foglie si possono curare anche ascessi e altre affezioni alle mucose della bocca.

Per favorire la circolazione ed il decongestionamento ai piedi si prepara un decotto con 50 g foglie in 2 litri d'acqua che poi si aggiungerà all'acqua del pediluvio.

In caso di bolle causate dalle ortiche, che spesso crescono negli stessi luoghi dell'acetosa, questa strofinata sulla parte colpita è un eccellente rimedio. In generale questa pianta è assolutamente sconsigliata per chi è affetto da calcoli, gotta, reumatismi e artrite e per chi soffre di problemi gastrici ed epatici. 

L'abuso di acetosa può provocare nausea, vomito, ipotensione arteriosa e persino una forma di intossicazione acuta, soprattutto nei bambini.

Curiosità : Ha un sapore acidulo, ma si può consumare in aggiunta alle insalate fresche, agli spinaci o alle verdure cotte, ma in piccole quantità, oppure preparata come una salsa può accompagnare pesce e carne. 

E' consigliabile fare uso di Acetosa solo dietro controllo medico.

Spero di essere stata utile anche questa volta. Alla prossima.

 


Commenta il post
C
Ciao,Mira, grazie del consiglio, vedo che sei anche tu interessata alla medicina naturale :-)
Rispondi
M


Ciao Carola, in effetti si! Sto cercando di fare sul mio blog un elenco delle piante benefiche! Penso sia utile sia per me che imparo che per altri che se ne interessano