Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Volare con l'anima

Attenti al cane o attenti all'uomo?!

12 Aprile 2016, 22:33pm

Pubblicato da marcellanicolosi

Oggi vi racconterò qualcosa che mi è successo e che ha cambiato la mia prospettiva!

Prima però vorrei fare una premessa importante : io amo gli animali!

Mi piace vederli liberi nel loro ambiente e non mi piace il modo come l’uomo li sfrutta, li ingabbia e li considera oggetti utili al suo benessere. Sono contraria all’abbandono e non capisco come si possa crescere un essere vivente per poi mollarlo per la strada quando ci si stanca di lui!

Abbandonare un cane è tra l’altro molto pericoloso per l’incolumità altrui, i cani discendono dai lupi ed il loro istinto, quando sono per strada, è quello di crearsi un branco con cui condividere le giornate ed i pasti. Un cane è pericoloso in quanto animale e quindi imprevedibile, ma in branco la sua pericolosità si moltiplica!

 

Circa 1 mese fa stavo camminando per la mia strada pensando a cosa cucinare per pranzo quando ho visto correre verso di me due grossi abbaianti e ringhianti cani!

Per una manciata di secondi ho immaginato che fossero cani randagi ed ho pensato di restare ferma e capire quanto potessero essere aggressivi e quanto la loro fosse solo una minaccia o una vera aggressione.

Solo quando mi sono arrivati accanto ho capito due cose : la prima è che erano Pittbull e la seconda, considerato l’immediato tentativo di mordermi alle gambe, è che la loro era una vera aggressione!

L’unica arma a mia disposizione era la borsa che ho cominciato ad usare come una mazza senza peraltro riuscire ad allontanarli e per quegli infiniti 120 secondi ho capito che ero finita!

La strada era troppo isolata per sperare nell’aiuto di qualcuno, ma ecco che, invece, ho visto un tizio a distanza ed ho chiesto aiuto a squarciagola!

 

Morale della favola : lui era il proprietario dei due cani!

Aveva aperto il cancello della proprietà e loro erano scappati attaccandomi!

 

 

 

Attenti al cane o attenti all'uomo?!

Non ne ho capito il motivo se non fino al giorno dopo quando, parlando con altre persone ho scoperto che non era la prima volta che quei cani attaccavano qualcuno e che il proprietario li aveva cresciuti per fare la guardia al terreno onde evitare altri furti.

Inoltre i cani erano convinti che io mi trovavo sul loro territorio perché il loro proprietario li ha portati spesso fuori senza guinzaglio e senza museruola e loro hanno potuto scorrazzare in lungo ed in largo convinti di essere in casa loro!

Ero io l’intrusa e loro stavano solo difendendo il loro territorio!

 

La cosa più terrificante è che a poche centinaia di metri da dove è avvenuta la mia aggressione c’è un asilo!

 

Nell’ultimo mese ho fatto numerosi ragionamenti pieni di “e se … ”, ma il risultato è che non riesco più ad uscire di casa senza portare con me un bastone come arma da difesa!

 

Facciamo alcune considerazioni!

 

Come ho già detto ogni cane può essere pericoloso in quanto è un animale e gli animali, si sa, agiscono per istinto! Loro segnano il territorio e reagiscono a gesti e atti che ritengono essere pericolosi per la loro incolumità o per quella dei loro cuccioli!

L’unica differenza tra un cane e l’altro è l’aggressività caratteriale e la capacità di pressione mascellare!   

 

Cani come i pitbull o i rottweiler non sono pericolosi in quanto aggressivi, ma a causa della loro forza mascellare.

Nati come razze da guardia e da difesa possono diventare, se addestrati con cattiveria, delle vere e proprie macchine per uccidere!

 

La loro caratteristica principale è dunque la presenza fisica e la forza mascellare, ma c’è un’altra caratteristica che molte persone prendono un po’ troppo sotto gamba : il carattere!

 

Sono cani territoriali, due maschi insieme fanno branco fino ad un certo punto, poi litigheranno per stabilire la supremazia e decidere chi è il capo branco, hanno un carattere fermo e abbastanza forte da capire perfettamente se il loro “proprietario” è in grado di guidarli e comandarli e se loro possono fidarsi di lui come capobranco.

Percepiscono ogni minima insicurezza ed indecisione e sono in grado di sopraffare chiunque abbia un carattere appena sotto la media.

 

I cani che mi hanno aggredita non hanno risposto al richiamo del loro “padrone”, hanno continuato ad abbaiarmi contro finché lui non si è messo “fisicamente” tra loro e me e li ha minacciati con una verga!

Questa è la prova che, almeno quei due, sono stati "addestrati" male!

 

A questo punto, dunque, vorrei ribadire alcuni concetti forse sottovalutati dalla maggior parte della gente.

 

Se decidete di prendere un cane ricordatevi che non è un pupazzo, ma un essere vivente con le sue necessità.

Prendete un animaletto consapevoli che avrà bisogno di cibo, attenzioni e cure, tutto quello che vi restituirà sarà un valore aggiunto.

Non abbandonatelo quando e se vi stancherete, anche se non lo considerate parte della famiglia, per lui voi siete parte della sua, quindi ricordatevelo ed agite di conseguenza. Se avete anche il minimo dubbio non prendete nessun animale.

 

Inoltre non tutti i cani sono adatti a tutti i padroni!

Ogni cane ha il suo carattere, se è un cane di razza on line potrete trovare tutte le informazioni di base sul suo carattere e sulle sue caratteristiche e necessità.

Ci sono alcuni cani che hanno bisogno di compagnia, altri che invece stanno benissimo anche da soli, altri avranno bisogno di tanto spazio e altri ancora invece non amano il freddo o il caldo.

Non scegliete un cane solo in base alla sua bellezza fisica, ma anche in considerazione della vostra capacità di addestrarli e fargli capire che voi siete il capo, non lui.

Stabilite subito delle regole e fate in modo che lui le capisca e le segua.

 

Ribadisco : non abbandonatelo.

Si parla tanto ultimamente della pericolosità di alcune razze di cani, ma non si parla però della pericolosità dei branchi di randagi che si stanno moltiplicando in modo esponenziale e che possono diventare pericolosissimi!

Gli animalisti difendono gli animali, ma chi difende “noi” dai branchi e dai pazzi che abbandonano i cani solo perché … chissà …

 

La verità è che la cosa peggiore che possa capitare ad un cane è avere il padrone sbagliato, l’essere umano è una piaga, ovunque sia arrivato ha distrutto, depredato, schiavizzato, sfruttato, massacrato mettendosi da solo in cima alla catena alimentare considerando tutto il resto solo in funzione dei suoi bisogni e delle sue necessità!

 

Guardate che fine sta facendo il nostro pianeta e riflettete!

Attenti al cane o attenti all'uomo?!

Commenta il post